NOTIZIARIO

DA TRIESTE AL CONGRESSO DI FRATELLI D'ITALIA SI PARLA DI "ITALIANI NEL MONDO" CON ARCOBELLI (CGIE-CTIM)
TRIESTE\ aise\14/12/2017 - Si è parlato anche di italiani nel mondo alla convention di Fratelli d’Italia, che si è svolta nei giorni scorsi a Trieste. Dagli Stati Uniti è intervenuto, in qualità di presidente del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo (CTIM), il consigliere Cgie Vincenzo Arcobelli, che ha detto di apprezzare - e per questo li ha ringraziati – le parole espresse dalla presidente di FdI, Giorgia Meloni, dal responsabile Dipartimento Esteri, Giulio Terzi, e dall'ex ministro della Difesa, Ignazio La Russa, nei riguardi del fondatore del CTIM Mirko Tremaglia.
Giulio Terzi, già ministro degli Esteri e ambasciatore d’Italia a Washington DC, ha toccato con concretezza i vari punti riguardanti le tematiche per gli italiani all'estero. "Il fatto che FdI abbia evidenziato nel proprio programma molto interesse per gli italiani nel mondo è motivo di soddisfazione", ha detto. Quanto al CTIM, questo "si confronta e si relaziona con le Istituzioni, con le rappresentanze di base ed intermedie, con le associazioni e le forze politiche, che sostengono le tematiche per gli italiani all'estero" e tra queste, ha concluso, "certamente un ruolo molto significativo è quello di FdI, che con i suoi esponenti assieme al CTIM fa parte della Fondazione Alleanza Nazionale. (aise)

CGIE, LE RICHIESTE DEI COMPONENTI DEL CTIM ALL’ASSEMBLEA GENERALE
24 novembre 2017 - I componenti del Ctim all’assemblea generale del Cgie, Arcobelli, Sangalli, Ciofi, propongono che ci sia “una chiarezza assoluta circa la costituzionalità degli emendamenti Lupi e Fiano, riguardanti la legge elettorale, quindi chiedendo un parere al Consiglio di Stato e alla Corte Costituzionale in riferimento alla legge 459, voluta fortemente dal ministro Tremaglia”.
Circa la campagna elettorale che verrà strutturata in occasione delle prossime elezioni politiche, auspicano “che vengano coinvolte il più possibile le associazioni, in aggiunta ai Comites e ai quotidiani editi all’estero”.

TRAGEDIA DI MONONGAH - SOLLECITATO IL PATROCINIO DEL CGIE PER LA COMMEMORAZIONE
  ROMA – Nel corso dell’assemblea Plenaria del Cgie, svoltasi alla Farnesina, fra gli altri interventi segnaliamo quello di Vincenzo Arcobelli (Usa) ha sollecitato il patrocinio del Cgie per commemorazione della tragedia di Monongah ed ha ricordato il dramma sul lavoro del  25 marzo del 1911, quando in una fabbrica a New York morirono 146 persone di cui 123 donne e 23 uomini. “Il responsabile del Comitato Tricolore del Molise Gianni Meffe – ha annunciato Arcobelli – sarà a New York il 6 di dicembre per consegnare una targa su questa tragedia e poi continuerà la missione a Monongah”. Arcobelli ha poi rilevato la necessità di sensibilizzare la Farnesina e il ministero della difesa sul problema del monitoraggio e della conservazione dei cimiteri di guerra italiani all’estero. Il consigliere del Cgie ha anche ricordato come a tutt’oggi manchi una risposta alla richiesta di intitolare una sala della Farnesina all’ex ministro per gli Italiani nel Mondo Mirko Tremaglia. Il sede di replica il segretario generale Schiavone ha assicurato il patrocinio del Cgie per la commemorazione di Monongah ed ha ricordato che rapporto fra il Maeci ed il ministero della Difesa per la tutela dei cimiteri italiani di guerra è già stato attivato.

CTIM, DUSSICH PREMIATO DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI PADOVA
  22 novembre 2017 - La Camera di Commercio di Padova, su proposta dell’Associazione Padovani nel Mondo, ha conferito il riconoscimento previsto per la 65^ edizione della Premiazione del Lavoro e del Progresso Economico della Camera di Commercio di Padova per la categoria “Cittadini padovani che abbiamo acquisito meriti particolari all’estero” al Cav. Paolo Dussich, Presidente del Comites della circoscrizione consolare di Panama (che comprende anche l`area di Santo Domingo e della Repubblica Dominicana) e delegazto nazionale del Ctim.
  La cerimonia di consegna della medaglia e del relativo diploma si terrà a Padova abato 2 dicembre alle ore 9.30 presso la Sala Rossini del Caffè Pedrocchi.
  “Per me è una grandissima soddisfazione – commenta Dussich -. Desidero ringraziare il Presidente del Ctim Vincenzo Arcobelli, l’Associazione dei Padovani nel mondo e la Camera di Commercio di Padova. Questo premio lo dedicherò in primis a mio padre che non c’è più ma che sarebbe stato molto orgoglioso di questo riconoscimento ed a mia madre e mia sorella con l’augurio che anche i miei figli riescano ad ottenere tali orgogliosi traguardi. Viva l’Italia, viva l’Istria italiana.

CTIM IN MISSIONE PER LA SETTIMANA DEDICATA ALLA LINGUA E CULTURA ITALIANA NEL MONDO
  27 ottobre 2017 - Il Presidente del Ctim Vincenzo Arcobelli ha partecipato come speaker presso il museo storico dello stato del Missouri (giunto al 150 mo anniversario dalla fondazione) per discutere di tematiche quali l’emigrazione vecchia e nuova degli italiani, la lingua e la cultura italiana e i compiti e le funzioni degli organi di rappresentanza.
  Erano presenti illustre personalità del Missouri, rappresentanti dei settori dell’Istruzione e università, di quello culturale, commerciale oltre a sportive e religiose.
  Arcobelli ha messo l’accento nel suo intervento sull’importanza di lavorare uniti per poter proteggere alcuni simboli della storia italiana, in particolare il Columbus Day e i monumenti negli uotimi tempi vessati dalla propaganda ideologica, come Balbo, Colombo e Rizzo.

Prima dell’ evento si è svolta la riunione organizzata dal circolo Ctim di St Louis.


Italiani all’estero, Arcobelli (CTIM): “Ora dateci una sede in via della Scrofa a Roma”
Il neopresidente: “E poi bisognerà modificare lo statuto dell'Organizzazione, senza stravolgerlo nei contenuti, ma per stare al passo con i tempi” di ItaliaChiamaItalia - venerdì 20 ottobre 2017
   Vincenzo Arcobelli, presidente del CTIM, in una lunga lettera si rivolge a “dirigenti, iscritti, simpatizzanti e amici del Comitato Tricolore per gli Italiani nel mondo” ringraziando “il mio predecessore, nominato Presidente onorario, Giacomo Canepa, per aver non solo proposto la mia nomina, ma per essere stato rigoroso nel rispettare quei valori che hanno contraddistinto il CTIM nel mondo dell’associazionismo di emigrazione; grazie al Segretario Generale Menia e tutti coloro che per unanime acclamazione hanno voluto esprimere la fiducia nei miei riguardi”....                                                                         LEGGI

MENIA CONFERMATO SEGRETARIO GENERALE CTIM - ARCOBELLI ELETTO PRESIDENTE
  16/10/2017 - ROMA\ aise\ - L’on. Roberto Menia è stato confermato all’unanimità segretario generale del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo a conclusione dell’assemblea generale dell’organizzazione, svoltasi ieri a Roma, con la partecipazione di delegati provenienti dai cinque continenti.
  Su proposta congiunta del segretario generale e del presidente uscente arch. Giacomo Canepa, nuovo presidente è stato eletto per unanime acclamazione Vincenzo Arcobelli, attualmente consigliere Cgie e coordinatore Ctim Nord America. Canepa ha assunto la carica di presidente onorario.
  L’assemblea ha deliberato la nuova strutturazione organizzativa del Ctim che si avvarrà, oltre che del consiglio direttivo, della ricostituita Consulta degli Italiani all’Estero (Cie), presieduta da Mario Zoratto.
“Abbiamo inteso dotare il Ctim di una sorta di Senato dei saggi”, ha osservato il segretario generale Menia, “perché riteniamo che la Consulta degli Italiani all’Estero possa essere il serbatoio ideale di spunti e direttrici di marcia confezionate da chi, in questa associazione, milita da sempre. Il rapporto con il territorio, il cordone ombelicale con le comunità, le interlocuzioni con le istituzioni potranno essere realizzate al meglio proprio per via dello spessore dei componenti della Consulta, che sarà fucina di nuove strategie e dal neo presidente il cui attivismo è riconosciuto e notorio”.
  “Accanto alla Consulta”, ha aggiunto Menia, “un direttivo fresco e dinamico, dove assieme a nomi già noti del Ctim nel mondo, vi sono volti nuovi provenienti dal mondo delle professioni che dovranno rispondere alla grande sfida della contemporaneità e dei nuovi strumenti di azione e comunicazione. A tutti loro va il mio personale in bocca al lupo per la nuova avventura e un sincero buon lavoro. Infine vorrei ringraziare di cuore l’arch. Giacomo Canepa, presidente uscente, che non ha mai lesinato sforzi e affetto in questi anni, mosso dalla convinzione che il Ctim è ancora (e sempre lo sarà) una famiglia, prima che una realtà associativa, così come la ideò il fondatore Mirko Tremaglia”.
  “Proprio nel nome di Tremaglia”, ha concluso Menia, “attueremo il prossimo anno una serie di grandi iniziative in Italia e nel mondo per celebrare il cinquantesimo del Comitato Tricolore che egli fondò nel 1968 e che da allora semina solidarietà e italianità nel mondo”. (aise)
COLUMBUS DAY, A CHICAGO IL CTIM SFILA PER L’ORGOGLIO ITALIANO
  10 ottobre 2017 - Sfilare per testimoniare, per ricordare, per omaggiare e non per un anticipo di campagna elettorale, così come qualcun’altro forse ha inteso fare. Questa la direttrice di marcia che ha caratterizzato la partecipazione del Ctim in occasione del Columbus Day a Chicago, con il delegato Carlo Vaniglia regista della presenza, significativa e appassionata, del Comitato Tricolore tra bandiere italiane e americane.
  “Ci siamo idealmente uniti alle altre organizzazioni italo-americane ed associazioni italiane ed ai rappresentanti dei Comites che credono nei valori della difesa delle tradizioni come il Columbus Day“, ha commentato il coordinatore del Ctim Nord America, Vincenzo Arcobelli.
  “L’appuntamento di quest’anno, poi, riveste un particolare significato visti gli attacchi contro il Columbus Day a livello nazionale e le minacce di rimozione del monumento dedicato ad Italo Balbo a Chicago”.
  L’apertura delle celebrazioni si è svolta con una Santa Messa presso la Chiesa “The Shrine of Our Lady of Pompei“, a cui ha fatto seguito la deposizione di una corona di fiori presso l’Arrigo Park, quindi l’inizio della parata da State Street, tra Wacker Drive e Van Buren. Infine presso la Casa d’Italia a Chicago si è svolto un ricevimento.
  “Il peso specifico del Columbus Day – osserva il Segretario Generale del Ctim, on. Roberto Menia – oltre che in bandiere e coccarde, risiede nei nostri cuori e in quello del fondatore del Ctim, Mirko Tremaglia. Il rispetto per i connazionali all’estero, la dedizione alla causa di chi ha lasciato la Casa-Madre Italia devono essere le nostre stelle comete, rivendicando con orgoglio quanto fatto dagli italiani proprio negli Stati Uniti. A loro va il nostro pensiero – conclude – nella consapevolezza che chi intende cassare la storia con uno sbiadito tratto di penna, lascia solo che la propria mediocre ideologia sorpassi la ben più rilevante storia di popoli e Nazioni: quest’ultima sì indelebile e immortale”.

MA C’E’ GIA’ UNA GIORNATA NAZIONALE DEGLI ITALIANI NEL MONDO: COSA SI NASCONDE DIETRO LA PROPOSTA DI LEGGE? dI Lillia D’Ottavi

5 ottobre 2017 - Florida - Intervengo sulla questione della proposta di legge con la quale si intende destituire la giornata nazionale degli italiani nel mondo: perché di destituzione si tratta.
Già in passato avevo manifestato il mio disappunto alla giovane on. La Marca, divenuta deputata grazie alla legge Tremaglia. Disappunto dettato dal fatto che, da italiana prima di tutto e da italiana residente all’estero in secondo luogo, ho percepito attraverso questa proposta, la completa mancanza di conoscenza dei motivi per cui certi eletti nelle circoscrizioni estere (Parlamento e Senato) siedono in queste istituzioni. Il mio non è un intervento di opposizione alla modalità politica di come questo parlamento è impegnato quotidianamente ad eradicare la storia millenaria di un popolo come il nostro, quello italiano. Solo desidero far capire la differenza esistente tra l’amare la propria terra ed essere servili ad un partito per puri scopi elettorali.

Ho citato il ministro Mirko Tremaglia, perché è grazie alla sua legge che tutti gli onorevoli e senatori eletti nelle circoscrizioni estere sono rappresentanti del popolo italiano. Inoltre è grazie sempre al fondatore del Ctim che fu possibile istituire l’8 di agosto di ogni anno la celebrazione del sacrificio del lavoro italiano nel mondo.
CORDOGLIO PER CLARA VICK GRANDE AMICA DELL'ITALIA
  Amarillo, Texas 03 Ottobre 17
- "The Yellow Rose of Texas" una famosa canzone della guerra di secessione USA,  oggi la rosa gialla  ha un fiocco nero e la rugiada sono le lacrime: Clara Vick, classe 1931, di Dimmitt Texas,  è deceduta il 1 ottobre 2017 ad Amarillo. Presidente della Castro County Texas Historical Commission e grande amica dei prigionieri Italiani non cooperatori del POW camp numero 31 di Hereford TX e dell'Italia. Dal 1985, con grande tenacia ed abnegazione personale restituì la memoria storica, dignità ed il rispetto da parte dei texani di Hereford ai prigionieri Italiani Reduci del famigerato "the fascist camp" di Hereford. Fu presente a vari raduni in Italia, fu fondamentale nell' organizzare il rientro in Italia dei resti mortali di due prigionieri, curatrice della Cappella Votiva dell'ex Campo no 31, merito suo se nel 1988 l'ambasciatore USA in Italia presenziò ad un raduno dei Reduci portando le scuse per il trattamento ricevuto dai POW (Prigionieri di guerra) nel 1944 (cosa non da poco). In quel raduno Clara Vick commento' all'ambasciatore "soldati come questi combattendo a fianco degli USA (ancora siamo in piena guerra fredda), non cambierebbero mai parte o Bandiera, anche se vinti".

  La grande amicizia instaurata con i rappresentanti del Comitato tricolore per gli italiani nel mondo (CTIM) in Texas, con i rappresentanti  del Comites di Houston, l'8 di Agosto 2009 in occasione della giornata del sacrificio del lavoro italiano nel mondo,  porto' ad un grande progetto, quello del restauro della cappella votiva che fu dedicata ai prigionieri italiani della seconda guerra mondiale  dal 1943-1946, e dove 5 di loro persero la vita.

  Una storia dimenticata o forse proibita nel farla uscire fuori, quella del non riconoscimento ufficiale da parte delle Istituzioni fino al 2009, quando invece grazie alla nostra intensa collaborazione fattiva, vi fu un supporto
da parte delle Autorità Americane, Italiane e dei rappresentanti diplomatici, nonche' di tutta la popolazione locale di Castro e Dimmit County. Un momento di commozione e di grande amicizia tra l'Italia e gli Stati Uniti.

  Testimonianza di quei momenti indimenticabili:  http://www.oggi7.info/node/2408/print ,  breve video Rai https://www.youtube.com/watch?v=v_cstx3VWfw

  Cosi come il film dell'amico Regista Giorgio Serafini "The Good War-Texas 46".  https://www.youtube.com/watch?v=yoRSF1x0uhY

  Per il suo operato la Signora Clara Vick fu insignita con il titolo di Cavaliere all'Ordine della Solidarietà ,oggi "Stella d' Italia", dalle Autorità Italiane.

  "Onora me ed al Rappresentante del CTIM Oklahoma Clemente, aver avuto l'opportunità di collaborare e di poter conoscere Clara Vick, una persona straordinaria, di grande altruismo, rara e di esempio nel trasmettere alle nuove generazioni principi e valori di alto spessore".

  Clara Vick, tutti i prigionieri di guerra Italiani "POW ", fantasmi di sentinella in quadrato a Hereford, ti ricordano, che sei PRESENTE in adunata.

  Grazie cara Clara per tutto quello che hai fatto!

  A nome di tutto il Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo e degli Amici e conoscenti Italiani che hanno conosciuto Clara Vick  trasmetto il più profondo cordoglio alla Famiglia Vick  e alla comunità di Hereford ed Amarillo in Texas.

Vincenzo Arcobelli
Coordinatore CTIM
Nord America
twitter@VinceArcobelli


RICORDANDO LA TRAGEDIA DI ADRIAN, ARCOBELLI: “IL PREZZO PIU’ALTO PAGATO DAGLI ITALIANI”

19 settembre 2017 - La tragedia di Adrian, rappresenta assieme a quelle di Marcinelle, di Monongah, e di tante altre accadute nelle varie parti nel mondo il prezzo piu alto pagato con il sacrificio del lavoro che appartiene all’emigrazione italiana”. Così il coordinatore Ctim Nord America e consigliere del Cgie, Vincenzo Arcobelli, in una missiva rivolta al Console d’Italia a Detroit, Maria Manca, al Presidente del Comites Circoscrizione Consolare di Detroit Domenico Ruggirello e al Sindaco di Adrian Jim Berryman.

Secondo Arcobelli 116 anni fa alla vigilia di Thanksgiving del 1901, due treni, n. 4 e n. 13 si sono scontrati vicino ad Adrian, Michigan togliendo la vita ad oltre 100 italiani, da poco sbarcati negli Stati Uniti per un lavoro ed un futuro migliore....

COLUMBUS DAY: OHIO, IL CONSIGLIO COMUNALE DI AKRON DICE NO ALLA ABOLIZIONE DELLA FESTA

12 settembre 2017 - Consiglio Comunale di Akron, in Ohio, ha ascoltato la proposta da parte del Consigliere Russel di abolire e sostituire la celebrazione di Cristoforo Colombo con “The indigenous Day”. Dopo un lungo dibattito ed i vari interventi fatti dai numerosi connazionali ed esponenti della comunità’ Italo/Americana giunti in massa per l’occasione, i membri del Consiglio Comunale hanno respinto la richiesta di abolizione, confermando invece la celebrazione del Columbus Day.
In una nota il coordinamento Ctim Nord America esprime il suo vivo ringraziamento al Delegato del CTIM in Ohio e Vice Presidente del Comites della circoscrizione consolare di Detroit Giovanni Catalano artefice dell’iniziativa assieme alle altre organizzazioni che fanno parte del Consiglio delle Associazioni Italo Americane della contea di Summit ad Akron. Inoltre da citare sono quei Consiglieri che hanno votato contro e tutta la comunità che è rimasta unita e forte. “Il nostro amico e Delegato Catalano dice che questo deve servire da esempio a tutti l’unione fa la forza”, e definisce la decisione “un breve respiro di sollievo, bisognerà continuare a tenere la guardia alta, ovvero la dimostrazione che quando si è uniti come da tempo chiede il CTIM in questo tipo di iniziativa e si interviene con una presenza numerosa, il risultato fè quello da noi auspicato. Prepariamoci per la prossima! Viva il Columbus Day!”

COLOMBO E BALBO, MENIA (CTIM): “ANZICHE’ACCANIRSI SU SIMBOLI DEL PASSATO, LA POLITICA PENSI A COSTRUIRE IL FUTURO, SE NE E’ CAPACE”
   26 agosto 2017 - “Giù le mani dalla storia: anziché accanirsi sui simboli del passato, la politica pensi a costruire il futuro, se ne è capace”.
   Così il Segretario Generale del Ctim, on. Roberto Menia, interviene sulla tediosa querelle relativa ai simboli di Italo Balbo e Cristoforo Colombo, oggetto negli Stati Uniti di una vera e propria campagna ad personam, frutto della becera ideologia revisionista che non rispetta storie e dinamiche.
Secondo Menia “siamo in presenza di una strategia figlia di una esasperata ideologia che, oltre che assolutamente anacronistica e pericolosamente puerile, si arroga il potere di decidere su simboli e riconoscimenti che appartengono alla storia italiana e non alla partitocrazia”.
   E aggiunge: “Le conquiste aeronatutiche di Italo Balbo legate alla trasvolata oceanica, al pari del significato più intrinseco del Columbus Day, non rientrano nell’alveo di competenza di gruppi sparuti e iper fanatizzati, ma sono la testimonianza viva e vegeta di una storia passata e di un comune sentire presente. La comunità italiana, piaccia o meno a certa sinistra dedita più alla esterofilia migratoria che agli interessi nazionali, è stata un pezzo significativo degli Usa, da mille punti di vista: sociale, economico-finanziario, storico, politico e culturale. Cassare quei simboli dimostra una gretta ignoranza che offende tutti i 60 milioni di italiani e gli altrettanti che, per una serie di ragioni, hanno scelto la via dell’emigrazione nel secolo scorso. Il rispetto per tradizioni, storie e vite del passato – conclude Menia – è ciò che manca alla politica scialba e destruens, quella stessa che oggi si accanisce su simboli e statue anziché dedicare anima e corpo a costruire il futuro”.
MARCINELLE, MENIA (CTIM): “LA POLITICA E’IN DEBITO CON CHI CERCAVA LAVORO E HA TROVATO LA MORTE”

  8 agosto 2017 - “Quando penso alla tragedia di Marcinelle mi sento di avere un debito, copioso e significativo, verso chi è partito in cerca di lavoro ma ha finito per trovare la morte”.
  Così il Segretario del Ctim, on. Roberto Menia, ricorda il sacrificio dei minatori italiani a 61anni dall’incidente alla miniera di carbone Bois du Cazier.
  “Oggi come ieri, assistiamo a veri e propri viaggi della speranza da parte di chi, ieri con la valigia di cartone e oggi con master e famiglia al seguito, è costretto a lasciare la nostra Patria per cercare fortuna altrove – continua Menia – Marcinelle, proprio per queste e per tante altre ragioni, ha rappresentato un vessillo per una molteplicità di ideali: il sacrificio italiano nel mondo, una sorta di “vetrofanìa” voluta dal Ministro per gli Italiani all’Estero e fondatore del Ctim, on. Mirko Tremaglia; il rispetto costituzionale e umano per tutti i lavori, qualsiasi essi siano; l’orgoglio per un’intera popolazione di italiani che, proprio in quegli anni, è andata a popolare altri continenti. A loro ed alle loro famiglie va il nostro pensiero e lo sforzo della politica di domani, affinché getti davvero le basi nel nostro paese affinché non vi siano più fughe di cervelli e sacrifici di braccia”.
LEGGI  

Giornata Nazionale del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo
Cari connazionali,
  in occasione della commemorazione della "Giornata Nazionale del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo" desidero esprimere tutta la vicinanza ai Famigliari di tutti coloro che hanno perso la vita a causa del lavoro.
  Ogni anno nella giornata dell' 8 Agosto a Marcinelle luogo dove persero la vita 136 minatori italiani , si celebra una manifestazione alla presenza delle Autorita' Locali, Diplomatiche Consolari, dei Rappresentanti Parlamentari, del CGIE e dei Comites e delle Associazioni , per onorare i caduti di quella tragedia che oggi rappresenta simbolicamente anche le altre tragedie come ad esempio Monongah in West Virginia e Adrian in Michigan negli Stati Uniti.
  Faccio presente che a volere a tutti i costi  questa celebrazione venisse riconosciuta ufficialmente dal Parlamento e dal Governo Italiano, fu l'allora Ministro per gli Italiani nel Mondo e Segretario Generale del CTIM On.Mirko Tremaglia.
  Oggi e' importante non dimenticare il caro prezzo che l'emigrazione italiana nel mondo ha pagato e tutt'oggi continua pagare con i recenti fatti accaduti  in Inghilterra ed in altre Nazioni dove ci sono i nostri giovani che a migliaia lasciano il nostro Paese in cerca di un lavoro e di una vita professionale migliore, perche' purtroppo chi governa in Italia non e' capace di offrire un futuro piu` decente.
  Il Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo rinnova il piu` devoto e commosso omaggio e partecipera` con i propri  rappresentanti a Marcinelle, e dove si svolgeranno le varie manifestazioni in altri Paesi del mondo.
  Vincenzo Arcobelli
  www.ctimusa.org
  twitter@VinceArcobelli
  https://www.facebook.com/CTIM-Nord-America-429217323803083/

COMITES, IL T(ri)ONFO DELLA DEMOCRAZIA
28 luglio 2017 - Pubblichiamo una nota di Carlo Consiglio, (Ctim Toronto) sulle elezioni Comites apparsa sul Corriere Canadese
  Verrei meno al principio cui mi sono sempre ispirato e cioe’ di essere in pace con la mia coscienza, se affermassi che venuto a conoscenza dei risultati resi pubblici dal Consolato sulle elezioni del COMITES di Toronto, di essere rimasto indifferente; ma mi ero imposto di non commentare i risultati stessi e far tacere questa, purtroppo, boccaccia che si ostina a dire quel penso e a pensare quel che dico.
  E cio’ per due motivi. Il primo è che sono profondamente e convintamente un istituzionalista anche se ho sempre arrancato a superare l’esame in democrazia; anzi mi è capitato spesso di essere stato rimandato a settembre, e solo all’ultimo esame all’Universita’ c’e’ voluta tutta la predisposizione, la comprensione e l’aiuto di due tappi auricolari che mi premurai di fornire al Prof cui ero stato fortemente raccomandato per strappare uno striminzito 18.
  Il secondo è il rispetto che ho sempre avuto e che ho tutt’ora per il Ministro Tremaglia di cui mi onoro di aver avuto la Sua stima, di essere stato un Suo stretto collaboratore nonche’ amico e camerata; Tremaglia credeva nell’istituzione COMITES; si è adoperato per la loro istituzione con la stessa caparbieta’ e tenacia che ebbe per il voto degli italiani all’estero e io non avrei potuto e dovuto sottolineare quanto è successo a Toronto: su un potenziale bacino elettorale di piu’ o meno 70.000 aventi diritto al voto il COMITES è stato eletto con solo 290 voti...

VOLARE ALTO COME ITALO BALBO
  28 luglio 2016 - Volare alto. E’l’apertura scelta per il nuovo numero di Prima di Tutto Italiani (scaricalo qui) in cui la metafora della trasvolata oceanica di Italo Balbo è presa in prestito per stimolare l’Europa a farsi maggiorenne.
  Da 83 anni il termine “Balbo” è sinonimo di una ingente formazione di aeroplani e negli Usa è ancora utilizzato per indicare una barba con il pizzo staccato. Luglio, nel gergo storico e patrittico, fa rima con la Crociera aerea del Decennale, detta anche Crociera Nord Atlantica o ancora Aerocrociera del Nord Atlantico.
  Si trattò della seconda ed ultima crociera aerea transatlantica di massa che si tenne tra il 1º luglio ed il 12 agosto 1933. Regista fu Italo Balbo in occasione del primo decennale della Regia Aeronautica e come vetrina per la Century of Progress, l’esposizione universale che si tenne a Chicago per il centenario della città. Con 25 idrovolanti SIAI-Marchetti disposti in 8 squadriglie, vi erano 52 ufficiali piloti, 1 ufficiale ingegnere e 62 sottufficiali specialisti. Il risultato? Un bagno di folla ovunque, con New York che intitolò a Balbo uno dei suoi viali.
  E prima di ripartire verso Roma, fu ospite alla Casa Bianca del Presidente Franklin Delano Roosevelt. Volare alto e sempre più in alto sia un monito per il vecchio continente, oggi incredibilmente timoroso e depresso, sempre più bisognoso di abbeverarsi alla storia passata. Con l’auspicio che sia foriera di nuove pagine per quella futura. Senza conservatorismi o nostagismi. Solo con quel coraggio e determinazione che oggi latitano a tutti i livelli.
  Particolarmente ricco il nuovo numero con tra gli altri il vademecum di Claudio Antonellisulle parole dell’Europa in crisi, il ricordo di Enzo Terzi dedicato a Bud Spencer, il corsaro genovese Francesco Gattilusio re nell’isola greca di Lesvos e il fondo di Roberto Meniadedicato a Nazario Sauro.

CHICAGO, IL CTIM RICORDA TRA TRASVOLATA DI ITALO BALBO
  25 luglio 2016 - Si è svolta pochi giorni fa a Chicago sotto un caldo torrido, la visita del Ctim, con la deposizione di una corona di fiori, alla colonna romana, il monumento storico dedicato ad Italo Balbo ed alla sua impresa.
  La cerimonia è stata promossa dal Delegato Ctim nord America Carlo Vaniglia che ha ricordato l’ anniversario della trasvolata oceanica, assieme a Maria Antonietta Zanetti Foti, Frank Di Piero, ed alla delegazione di Chicago. Il Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo ha così inteso ricordare quella straordinaria trasvolata oceanica.

COMITATO DI PRESIDENZA DEL CGIE: IL PUNTO SULLA CONFERENZA STATO-REGIONI
  18 luglio 2017 -  Durante i lavori del comitato di presidenza del CGIE riunito a Roma presso il ministero degli affari esteri alla presenza del sottosegretario On. Enzo Amendola, del direttore generale Luigi Vignali e dei dirigenti degli uffici della DGIPEM,  si è discusso anche delle modalità per avviare i lavori preparatori dell’assemblea plenaria della conferenza permanente tra lo Stato, le Regioni, le Provincie Autonome e il CGIE.  Alla riunione erano anche presenti i rappresentanti delle Regioni e delle Consulte per l’emigrazione e in rappresentanza della VI commissione del Cgie, il consigliere Carlo Ciofi.
  Erano presenti per la regione Sicilia, titolare delegata nel coordinamento regionale per gli Italiani all’estero la Dr.ssa Margherita Cappelletti, il Dr. Rocco Romaniello e il Dr. Donato Pafundi per la Regione Basilicata delegata per le consulte regionali, il Prof. Franco Santellocco per la Regione Abruzzo...

IL GALA DI “CIAO ST. LOUIS” AL CLAYTON ON THE PARK: LINGUA, CULTURA E MADE IN ITALY

13 giugno 2017 - Si è svolto giovedì scorso il gala della Ciao St. Louis sulla terrazza al 24.mo piano del lussuoso Clayton on the Park. Presenti quasi centocinquanta esponenti della borghesia italo-americana a St. Louis e dintorni. A dare il benvenuto sono stati il presidente dell’associazione Cav. Rio Vitale, coadiuvato dalla sua consorte Marianna e dai vice presidente Michael Cross e Mike Santangelo, dalla coordinatrice dell’evento Laura Di Maggio e dal maestro di cerimonie Gaspare “Jay” Di Maggio con l’aiuto della signorina Grassi, eletta lo scorso ottobre Miss Italia of St. Louis.
  La rinomata Gabriel’s Gourmet Food di Gabriele Ruggieri, presente con l’incantevole signora Casey Ruggieri, a fianco dello chef Neville Reyes Eroll ed il rappresentante Emilio Tellini, è stata accompagnata dagli studenti del Florissant Comunity College, e ha fornito una sfarzosa e deliziosa varietà di cibi, rigorosamente made in Italy, mentre l’azienda vinicola Raineri di Monforte d’Alba rappresentata dal comproprietario Luciano Racca ha provveduto i loro vini, altrettanto rigorosamente italiani: Elfo Bianco e Dolcetto Dogliani, immensamente graditi dai commensali. A completare il cast cibario con squisite selezioni dolciarie la D’Italia, Fine Italian Imports, rappresentata dal presidente Vince Di Piazza. Per finire, gli immancabili “Italian Cookies” forniti dalla DiCapo Foods di Kansas City.
  Presenti rappresentanze dell’associazionismo culturale, esponenti accademici e capitani d’industria, inclusi il Cav. Franco Giannotti, fondatore e presidente del club Italiano Per Piacere e responsabile per l’informazione e comunicazione per il Nord America del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo; il professore Chris Stevens, presidente dell’Italian Club of St. Louis e docente d’italiano al Florissant Community College; le professoresse d’italiano Annelise Morani Brody della Washington University e Claudia Pompei Karagoz della St. Louis University; la professoressa Jeannie Fiorini del Florissant Community College; e le professoresse Giovanna Leopardi e Stefania Parravicini della commissione di lavoro di Italiano per piacere, diretta dal consigliere Michael Cross per il programma d’insegnamento ai bambini: “Impara l’Italiano Giocando”.
  Per il mondo dell’industria, presenti l’Executive Chef Gian Nicola Colucci della compagnia alberghiera internazionale Four Seasons, il dott. Paolo Raponi, General Manager della Bitrode; Vincenzo Di Piazza, fondatore della D’Italia Imports; avvocato Sam Digirolamo dell’Italian Bar Association of Missouri; Aprille Trupiano, personalità TV e consulente Career Women e molti altri non identificati.
  Il programma della serata ha incluso un sorteggio per un abito dal valore di $750 offerto dal presente Ben Lawler, capo sarto della Tom James Company, con i proventi del sorteggio da distribuire agli studenti svantaggiati del Florissant Community College per un viaggio educativo in Italia il prossimo anno.         Programmata l’esposizione di alcune Lamborghini (ovviamente non sulla terrazza) da parte della St. Louis Motorcars.
  “Ciao St. Louis – racconta Franco Giannotti – è un’organizzazione che promuove la solidarietà tra le varie associazioni e la comunità italo-americana tramite vari eventi come questo gala, il sito internet http://www.ciaostl.com e il programma radio settimanale Ciao St. Louis condotto dal D.J. Mike Santangelo con Michael Cross, sulla 770 WEW, ove oltre alle musiche italiane potete anche sentire comunicati inerenti la comunità e interviste con personalità della stesa. Tra i prossimi eventi di Ciao St. Louis, un Ballo in Maschera per Carnevale. Una nota per me molto rincuorante, all’evento hanno partecipato molti giovani: l’italianità continua e si rinnova”.

CHICAGO, LA FESTA DELLA REPUBBLICA TARGATA CTIM
  29 maggio 2017 - Il CTIM con il patrocinio del Comites di Chicago, ha organizzato domenica 28 Maggio, la consueta cerimonia per il 71mo anniversario della Festa della Repubblica.
  All’ evento  hanno partecipato circa 500 connazionali alla presenza dei rappresentanti del Comites, dell`Italian Trade Commision, delle Autorita’ locali, e del Console Generale d’Italia a Chicago Giuseppe Finocchiaro, che ha ringraziato pubblicamente il Comitato Tricolore per aver organizzato la manifestazione.
  Durante la cerimonia accanto alla statua di Garibaldi, il Delegato del CTIM Carlo Vaniglia  ha consegnato con il Console Finocchiaro un attestato di riconoscimento simbolico per lo spirito patriottico alla Sig.ra Rosa Rappa figlia del Soldato Vincenzo Morici deceduto in Russia nel 1942.
  Il coordinatore Ctim nord America, Vincenzo Arcobelli, ringrazia l’instancabile  Delegato Vaniglia assieme ai suoi collaboratori per l`operato svolto e sottolinea di come aver ricordato i compatrioti che hanno sacrificato la propria vita per l’Italia, coincida con le celebrazioni del Memorial weekend negli States.

30 ANNI DA SCOMPARSA DI GRILZ, MENIA A TRIESTE: “FU UNA STORIA DI ONORE E CORAGGIO”. ECCO IL VIDEO RICORDO

  19 maggio 2017 - A trent’anni dalla scomparsa di Almerigo Grilz, il reporter di guerra triestino e consigliere comunale, il Segretario Generale del Ctim, on. Roberto Menia, ha partecipato alla manifestazione promossa a Trieste l’11 maggio per ricordarlo.
  “Si tratta di una storia di onore e coraggio – osserva Menia – Sono trent’anni che Almerigo dorme dall’altra parte del mondo, in Africa, sotto un albero secolare, come è riservato agli eroi. Era il 19 maggio 1987, quando morì in Mozambico, a 34 anni, riprendendo uno scontro a fuoco tra i ribelli anticomunisti della Renamo e i governativi del Frelimo. Fu il primo giornalista italiano del dopoguerra a cadere sul teatro di guerra. Il Sunday Times gli dedicò una pagina, i giornali italiani una colonnina”...


Decolla il primo volo Dallas-Roma, Arcobelli (CGIE): “Ora il Texas è più vicino all’Italia”
di ItaliaChiamaItalia -  sabato 06 maggio 2017 - All’inaugurazione è stato invitato a prendere la parola il  Cons. CGIE in USA Vincenzo Arcobelli, che ha seguito e sostenuto fortemente l’iniziativa da più di 17 anni, il quale dopo aver ringraziato il Vice Presidente dell’Hub per AA Joe Taney, Bob Wirick del dipartimento affari internazionali, il management di DFW Airport con tutti i loro collaboratori ed assistenti, per aver organizzato lo straordinario evento e per la cortese ospitalità, ha voluto sottolineare come la comunità italo americana del Texas, oggi qui presente con i suoi rappresentanti dei Comites, delle Associazioni, cosi come con la presenza del Console Generale d`Italia a Houston Elena Sgarbi ed il Comandante della RAMI, abbia sostenuto questa iniziativa.

CASA ITALIA A TORONTO, LA MISSIVA DI CARLO CONSIGLIO
Toronto 29 aprile 2017 - "C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole anzi di antico; io sono altrove……. Per me che ho chiaro lo scenario che va profilandosi contro la Comunità Italiana di Toronto, il Pascoli credo sintetizzi il percorso obbligato che quella parte sana della comunità dovrà intraprendere. Mi riferisco al progetto di vendere l’edificio del Consolato e le aree di pertinenza per realizzare un mega edificio di non so quanti piani concretizzando una permuta con un costruttore che per puro caso mi richiama alla memoria lo stesso Pascoli, progetto che ha tutori e sponsor tra i soliti “signorsi”, per ottenere in cambio locali da destinare a sedi degli organismi di rappresentanza del Governo italiano in Toronto e un gruzzolo di milioni da inviare a Roma..."

NOMINA NEO DELEGATO CTIM A MIAMI: MICHELE MERLO
 Il CTIM Nord America conferma la sua presenza e crescita nell'ambito delle attività a beneficio di quelle tematiche riguardanti gli italiani all'estero.
 Sono particolarmente felice per la nomina di Delegato a Miami in Florida di Michele Merlo, imprenditore nel settore della ristorazione, di origine veneta, impegnato come rappresentante eletto nel Comites della Circoscrizione Consolare di Miami.
 Il Neo Delegato Michele Merlo sarà coadiuvato per lo stato della Florida da altri due componenti del CTIM nella zona di Palm beach, da Vince de Caria (di origini calabresi) e dalla D.ssa Lilla D'Ottavi (di origini laziali).
 Molte le idee inerenti attività socio culturali che verranno presentate, a livello di partecipazione e a nuove iniziative .
 A tutti i componenti la delegazione CTIM Miami e Florida rivolgo le più vive congratulazioni .
Vincenzo Arcobelli
Coordinatore CTIM NordAmerica
twitter@VinceArcobelli

SALA DELLA FARNESINA INTITOLATA A TREMAGLIA: PASSA LA MOZIONE DEI CONSIGLIERI CTIM AL CGIE
 31 marzo 2017 - La proposta avanzata dai consiglieri del Ctim al Cgie, Arcobelli, Sangalli, Ciofi, per intitolare una sala del Ministero degli esteri alla figura del Ministro Mirko Tremaglia, è passata oggi a maggioranza. Si tratta di un passaggio formale che legittima quello straordinario impegno profuso dal Ministro per gli Italiani nel mondo e fondatore del Ctim.
 “Oggi è un giorno di festa – commenta il Segretario Generale del Ctim, on. Roberto Menia – il lavoro dei nostri consiglieri al Cgie è stato limpido ed efficace. E si inserisce nel solco del rispetto assoluto per una figura che, con il tricolore scolpito nel cuore, ha scelto di dedicarsi anima e corpo ai connazionali che hanno lasciato l’Italia”.

DA HOUSTON A BORBONA PER DONARE UN AUTOCARRO: LA SOLIDARIETA’ DEL CTIM PER IL TERREMOTO
 29 marzo 2017 - Da Houston a Borbona con un autocarro 4×4 chiavi in mano. Il Ctim Houston, in collaborazione con la Concessionaria Piaggio Motoplus di Rieti-Roma-Viterbo, su suggerimento Consigliere del Cgie Carlo Ciofi, ha donato al Comune di Borbona un veicolo commerciale.
 Per questa ragione il comandante Vincenzo Arcobelli, coordinatore del Ctim Nord America e consigliere del Cgie, si è incaricato personalmente di raccogliere fondi ad hoc, in occasione dell’evento “Italy Matters For Texas”. Grazie allo sforzo di numerose associazioni che operano nella circoscrizione consolare di Houston (come Ctim, Csna, Saat, Siciliani In Texas, Italy Chamber Of Commerce Of Texas) è stato possibile ottenere la somma che in seguito è servita per l’acquisto. Numerosi Chef di successo dell’area metropolitana di Dallas in Texas hanno messo a disposizione le proprie specialità culinarie per la manifestazione.

XII CONFERENZA DEI RICERCATORI ITALIANI NEL MONDO:
IL MESSAGGIO DI ARCOBELLI
27 marzo 2017 - “Cari Connazionali, Cari partecipanti alla XII edizione della conferenza dei ricercatori italiani nel mondo, desidero rivolgere il saluto ed il benvenuto più caloroso a Houston. Per motivi istituzionali di rappresentanza, dovrò partecipare all’Assemblea Plenaria del CGIE che si svolgerà a Roma. Anche se non potrò essere presente per celebrare assieme a Voi una giornata di italianità vi sarò vicino, come sempre. Questa XII edizione coincide con il 60mo anniversario della firma dei Trattati di Roma. Ho appreso con entusiasmo per i numerosi messaggi di riconoscimento ed apprezzamento arrivati per questa occasione dalle più alte cariche dello Stato Italiano, a cominciare dal Presidente della Repubblica e dal Presidente Senato, da prestigiose Autorità Istituzionali, Politiche, Accademiche, con i saluti rivolti a tutti i ricercatori che risiedono e che sono in missione all’estero.

ALLA 12MA CONFERENZA DEGLI ITALIANI NEL MONDO IL MESSAGGIO DI MATTARELLA
24 marzo 2017 - La XII Conferenza degli Italiani nel mondo si terrà il 25 marzo 2017 nell’auditorio del Consolato Italiano di Houston, Texas, ed è onorata di aver ricevuto un riconoscimento ufficiale dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Nel suo messaggio il Presidente afferma:
“La Conferenza si è affermata negli anni come un importante momento di incontro della comunità scientifica, e come espressione di un qualificato contributo italiano nei diversi ambiti della ricerca. Anche quest’anno il programma dei vostri lavori è di grande interesse e sono certo che consentirà di far conoscere meglio l’impegno e i traguardi raggiunti dai nostri studiosi, oltre che di rendere sempre più apprezzata la presenza italiana nelle università e nella società Americana in particolare”.
OPPORTUNITÀ PER GLI STUDENTI DI ORIGINI ITALIANE CHE RISIEDONO ALL' ESTERO!
Cari Connazionali,
   la MIB School Management di Trieste in collaborazione con l`ICE e con il patriocinio del MAECI, ha messo a disposizione il Bando "Origini Italia" per l`Anno 2017.
Gli studenti avranno la possibilita` di conoscere la terra di origine e al tempo stesso durante il corso si favoriranno incontri per possibili e future collaborazioni con le imprese italiane che hanno interesse ad esportare all`estero.
   L'iscrizione al corso è gratuita e gli organizzatori assicurano ai partecipanti la copertura dei costi di viaggio, alloggio e vitto per tutto il periodo del corso stesso, la cui durata è di 4 mesi (dal 21 agosto al 1° dicembre 2017).
Requisiti per partecipare sono: discendenza da famiglie di emigrati italiani nel mondo; residenza fuori dall’Italia età 25-35 anni (al 31 marzo 2017); buona conoscenza dell'inglese (minimo B2), laurea (sono possibili limitate eccezioni); esperienza professionale; motivazione personale.
   Tutte le informazioni relativi al corso – insieme ai moduli per l'iscrizione online - sono reperibili sul sito sotto 
   La domanda di presentazione si potra` presentare entro e non oltre il  31 Marzo 2017.
   Cordialmente
   Vincenzo Arcobelli
   Cons.CGIE in USA
   twitter@VinceArcobelli

Link Con le Informazioni dettagliate: Origini Italia



SCOMPARE ITALIA TREMAGLIA, IL CORDOGLIO DEL CTIM
   E’ scomparsa, a pochi giorni dal 90esimo compleanno, Italia Caruzzi Tremaglia, moglie del Ministro degli Italiani all’estero e fondatore del Ctim. Da tempo ammalata, era nata il 21 febbraio del 1927 ad Attimis, in provincia di Udine. Il Consiglio Direttivo del Ctim, assieme all’intera comunità del Ctim sparsa nei cinque continenti, si stringe attorno alla famiglia per la grave perdita.
   “Dopo anni di sofferenze si ricongiunge al suo Mirko – osserva il Segretario Generale del Ctim, on. Roberto Menia – nella consapevolezza che aver vissuto accanto ad un uomo di cotanto spessore, umano e professionale, è stato certamente un grande privilegio. L’importanza di una compagna di vita è straordinaria, a maggior ragione per uomini dalla personalità alta e intensa come il Ministro Tremaglia. Alla famiglia va l’abbraccio dell’intera comunità del Ctim, certi che da lassù potranno ritrovare anche l’amato Marzio”.
   Le esequie si terranno mercoledì 15 febbraio 2017 alle ore 10 a Bergamo presso la Chiesa “Il Tempio Votivo” di via Statuto.


IL CTIM PER IL GIORNO DEL RICORDO
   13 febbraio 2014 - A 10 anni dalla sua istituzione come Giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata, il 10 febbraio si sono svolte in tutta Italia cerimonie e iniziative.
   Il Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo ha partecipato a svariate Manifestazioni, con tutti i Dirigenti della Segreteria Generale di Roma, portando un forte contributo alle stesse.
   L’On. Roberto Menia, Segretario Generale del CTIM e primo firmatario della Legge istitutiva (n.92 del 30 marzo 2004), ha prima preso parte alla solenne cerimonia a Trieste, presso la Foiba di Basovizza, ove ha ricordato come 10 anni prima fosse stato presente il Ministro Mirko Tremaglia che aveva promosso in quell’occasione il 1° Convegno mondiale degli Esuli dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia, una 3 giorni in cui si fecero arrivare a Trieste, da tutto il Mondo, esuli che testimoniarono la loro storia e il loro amor di Patria.
   Nel pomeriggio dello stesso 10 febbraio a Roma, è stato presentato il libro “Foibe ed Esodo. L’Italia negata” di Carla Isabella Elena Cace, presso Palazzo Ferraioli in Piazza Colonna a Roma di fronte ad una platea numerosa.
   Molto commovente l’intervento di Menia molto applaudito e intervistato da media di tutto il mondo.
In serata lo stesso Menia ha partecipato al Concerto Solenne del Ricordo, promosso dalla Regione Lazio presso la Basilica di Sant’Andrea della Valle, con Autorità Nazionali e Regionali. Il Segretario Generale del CTIM ha aperto la serata con un intervento molto toccante in cui ha ribadito che la Legge sul Giorno del Ricordo è la sua più bella vittoria politica che ha dedicato alla sua famiglia, alla comunità degli esuli e all’Italia tutta.

DALLAS, IL CTIM AL SEMINARIO DELL’OSIA, ARCOBELLI: “FACCIAMO SQUADRA PER IL COLUMBUS DAY”

   12 febbraio 2017 - Si è tenuto a Dallas il convegno nazionale della Organizzazione Italo americana dell’Ordine dei Figli d’Italia (Osia), che quest’anno ha scelto il Texas come sede dell’incontro alla presenza del presidente Dan Longo assieme al comitato esecutivo, ai rappresentanti di ogni stato degli USA e delle varie commissioni. Tra i punti fondamentali la relazione annuale del Consiglio supremo di giustizia – (Concil Supreme Justice) – che, guidato da Kevin Caira, contiene informazioni su tutto il lavoro svolto nel 2016 in merito alla protezione dei diritti degli italo americani: ovvero provvedimenti contro gli stereotipi negativi, azioni contro la cancellazione del Columbus Day, petizioni e lettere.

MENIA A INTELLIGONEWS: “VI RACCONTO IL MIO IMPEGNO PER LE LEGGE SULLE FOIBE”

   10 febbraio 2017 - Pubblichiamo l’intervista al Segretario Generale del Ctim, on. Roberto Menia, apparsa oggi sul magazine Intelligonews. (in foto l’on. Menia a Trieste in occasione del seminario dell’Unione Istriani con Gianfranco Fini,  Massimiliano Lacota, Benedetto Della Vedova, Roberto Antonione e Milos Budin)
   Il Giorno del ricordo è una solennità civile nazionale italiana, celebrata il 10 febbraio di ogni anno, istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92 che vuole conservare e rinnovare “la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”. Al Giorno del ricordo è associato il rilascio di una medaglia commemorativa destinata ai parenti delle persone soppresse e infoibate in Istria, a Fiume, in Dalmazia o nelle province dell’attuale confine orientale dall’8 settembre 1943 al 10 febbraio 1947. Sono esclusi dal riconoscimento coloro che sono stati uccisi mentre facevano volontariamente parte di formazioni non a servizio dell’Italia.
VITTIME DEL TERREMOTO, ANCHE IL CTIM PER LA CENA DI BENEFICIENZA A HOUSTON

   22 gennaio 2017 - “Italy matters for Texas”. E’il motto con cui il Comites di Houston, insieme alla Confederazione dei Siciliani in Nord America, al Ctim e alla Sicilian American Association Texas, ha promosso una cena benefica per raccogliere fondi da destinare alle popolazioni colpite dal terremoto del Centro Italia. La cena si terrà il prossimo 26 gennaio dalle 18.00 alla Knights of Columbus Hall (2280 Springlake Road – Farmers Branch, Texas).
   Ospiti dall’Opera on TapNorth Texas, i cantanti Marsha Anderson e Ron Montgomery, il finalist della trasmissione “America`s Got Talent” Paul Solos “the VOICE of Sinatra”, e Pino Marelli da Detroit.
   Tra l’altro la serata coinvolgerà i 10 migliori chef italiani di Dallas come Antonio Avona, Vince Indelicato, Luciano Salvadore, Sal Gisellu, Daniele Puleo, Tommaso Lestingi, Cristian Manganaro, Gianni Piras, Ugo & Vincent Ginatta.
   Alla cena parteciperanno il Console generale a Houston Elena Sgarbi, il Consigliere Cgie Vincenzo Arcobelli, il Presidente del Comites Valter Della Nebbia e autorità locali.


ARCHIVIO
2016 - 2015 - 2014 -
2013 - 2012 - 2011 - 2010 - 2009

2008 - 2007 - 2006 - 2005 - 2004
 top   


Un augurio dall'Onorevole
Mirko Tremaglia per il 
portale internet CTIM USA
Congratulazioni all'organizzazione statunitense. Ringrazio di cuore i componenti della Delegazione per la collaborazione e la disponibilità e, augurando a tutti buon lavoro, l'occasione mi è gradita per inviare i più cordiali saluti,
Mirko Tremaglia - 10 dicembre 2004
























ARCHIVIO






TREMAGLIA
RICORDA...



Pubblicazioni e periodici


Emittenti Radio e TV


Pagina Giovani e Sport






 

 à è ì ò ù é